E se gli altri avessero ragione?

Published on PaperUni Anno 0, Numero 2.

Quotidianamente ci si ritrova ad affrontare dei contraddittori, per i più disparati motivi, politica, religione, scienza, lavoro, questioni legali e nelle più diverse modalità: discussione al bar, pianificazione o realizzazione di progetti contrapposti, dibattito televisivo, scontro allo stadio, duello alla sciabola e chi più ne ha più ne metta.

Tuttavia nessuno, o comunque in pochi lo fanno, si pone la domanda “e se fossero gli altri ad avere ragione?” In fondo, non è impossibile che la propria posizione sia sbagliata: se ci sono due tesi contrapposte e mutuamente esclusive allora, per certo, almeno una deve essere necessariamente sbagliata. Qualcuno erroneamente potrebbe speculare su questa semplice proposizione per dimostrare che la propria posizione sia l’unica possibile, tuttavia non funziona così: non è vero che in presenza di più teorie in contraddizione ce ne deve essere necessariamente una corretta; ma questa è un’altra storia.

Si è ormai abituati a mettere in discussione qualsiasi cosa provenga dall’esterno, ma mai nessuno mette in discussione se stesso, le proprie opinioni, le proprie teorie. Come per il colonnello Kurtz la reale forma di libertà è vivere liberandosi non solo dall’opinione degli altri ma anche dall’opinione di se stesso, così ognuno dovrebbe non solo mettere in discussione ciò che proviene dagli altri ma anche, e forse soprattutto, ciò che proviene da se stessi.

Fino ad ora si è discusso solo della totale correttezza o scorrettezza di un’idea, di un modo di fare e così via, tuttavia l’esperienza, la storia, insegnano che quasi mai esiste una teoria completamente nuova e corretta contro diverse altre necessariamente sbagliate, ma via via si formula una teoria sempre più corretta dalla fusione di più teorie sbagliate; e a volte questo avviene anche in maniera non lineare, cioè si passa da un certo grado di correttezza ad uno maggiore passando però per uno minore di quello di partenza.

Un’idea quindi riesce a contaminare e soprattutto farsi contaminare solo se l’autore e chi la porta avanti prevede che la stessa possa essere messa in discussione e quindi possa essere sbagliata e magari che fossero gli altri ad avere ragione, o qualcosa del genere.

Seppure bello a dirsi e a leggersi quasi mai è questo il modo di fare che ciascuno adotta, probabilmente perché è difficile contrattaccare mentre ci si attacca e ci si difende da se stessi, ed è difficile anche attaccare se stessi.

In fondo però anche questo modo di fare: mettere in discussione se stessi, chiedersi se sono gli altri ad avere ragione; anch’esso dovrebbe essere messo in discussione poiché si tratta comunque di una teoria, che trova contraddizioni nel modo comune di fare.

Ma già il dover mettere in discussione la correttezza di questo modo di fare ne certifica la correttezza stessa; tuttavia postulare la correttezza del metodo è sbagliato secondo il metodo stesso … sono stanco, ho fame e fa freddo.

About gicoviello
Writing code in exchange for booze and food

One Response to E se gli altri avessero ragione?

  1. nessuno says:

    nessuno, gia, proprio nessuno!
    Hai ragione, nessuno si è posto la faditica domanda: e se gli altri avessero ragione?
    Non solo si è posto la domanda nessuno, ha costantemente vissuto con questa ossessione andando oltre, oltre a quanto la logica è convenzionalmente diffusa nei rapporti sociali.
    “gli altri hanno sempre ragione”

    Si soffoca la proria esistenza per aderire all’altrui ragione. Si soffoca la propria esistenza, divenendo parte dell’esistenza d’altri. Si diviene come foglie trasportate dal vento.

    E’ codardia, per carità, non si discute!

    E’ codardia, e non più riflessione, poichè non si ha il coraggio di pensare, di agire, di sbagliare.
    Sbagliare? certo, perchè la ragione della propria vita porta anche a questo. Ma intanto si è vissuto. Ciò che verrà potrà essere duro o lieve; ma è la vita, se non la si affronta, non si vive.
    Un giorno una musa disse: di cosa parla quel “silenzio”?
    Nessuno iniziò a parlare. Gli errori del “non vissuto” della sua esistenza scorrevano come le acque di un fiume. Infiti pensieri che calcavano la mente, che mai aveva avuto.

    La musa parlò: non sei tu a sbagliare, ma gli altri, e qualora fosse divesamente, non sopprimere il tuo “io”.

    nessuno rimase sorpreso.

    Che bislacca sorpresa, chi ha vissuto domandandosi sempre se gli altri avessero ragione, ode parole contrastare questo dogma impostosi.

    Poi avvenne l’imprevedibile, la musa lo volle a se.
    ma nessuno rifiutò, per l’ennesima volta aveva anteposto la ragione altrui davanti alla propria.
    Era e rimane un codardo.

    ma questo è matto!?!?
    Pe carità, non ci piove sul fatto che lo sia.
    E che cazzo sei venuto a fare a rompere i maroni qui?
    Semplice, a volte esistono attrazioni indissolubili. In genere un matto è attratto da un altro matto.

    Un augurio di buona vita,
    Nessuno

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: